Progettazione su misura: la fresa a controllo numerico per customizzare APR volti all’utilizzo professionale

di Zaira Baglione Pagliaroli

Nel precedente articolo vi abbiamo raccontato l’apporto della stampa 3D all’interno del processo produttivo. Questa volta vi descriviamo come è possibile rispondere alle richieste dell’utenza, soddisfacendo le particolari necessità di utilizzo professionale, mediante lo sviluppo di componenti “tagliati” su misura. Difatti la customizzazione costituisce un valore aggiunto dell’offerta commerciale di un’azienda che si sposa con l’obiettivo di ottimizzare l’integrazione dei sistemi. All’interno di un laboratorio di produzione è possibile studiare molteplici soluzioni, al fine di andare incontro alle esigenze della clientela attraverso la realizzazione di APR adeguati per gli operatori nei vari contesti professionali. Per ampliare le prestazioni di un drone il reparto di ricerca e sviluppo, in sinergia con quello di produzione, si deve avvalere di un centro di lavoro a controllo numerico e di software di disegno CAD per disegnare il modello perfetto per ogni utente. L’utilizzo di macchine estremamente sofisticate riguarda tutte le fasi di costruzione, ovvero gli APR nelle configurazioni standard e anche i singoli pezzi che vengono assemblati. Attraverso la fresa vengono realizzate le parti metalliche del SAPR: scatole avioniche, gimbal, slot porta batterie, supporti per il paracadute, componenti per la rampa di lancio dei mezzi ad ala fissa, componenti della ground control station (GCS), bracci, carrelli e qualsiasi altro contenitore o alloggio per la parte elettronica, comprese le calotte protettive. A seguito della richiesta specifica di un cliente, ad esempio la società FlyTop ha messo a punto un modello di gimbal per montare contemporaneamente più sensori: da questa esperienza è stato perfezionato il FlyNovex, uno dei velivoli di punta tra la vasta gamma dei multirotore in commercio. Si può portare all’attenzione il caso del FlyBit, anch’esso è un APR di nuova generazione che è stato sviluppato a seguito di una commessa estera. Questo multirotore prevede più configurazioni e si caratterizza per un’autonomia di volo fino ad 1 ora, con una capacità di carico che raggiunge i 6 Kg. L’innovazione e la ricerca sono gli obiettivi che un Professionista richiede ad una Azienda affidabile, oltre che un’assistenza tecnica mirata e al supporto nella parte autorizzativa ENAC, per svolgere il proprio lavoro in sicurezza e in piena legalità. La base di partenza per l’ideazione di ogni componente è una bozza manuale, successivamente si realizza il progetto CAD con cui sono studiati i singoli pezzi che poi vengono materialmente ritagliati all’interno di lastre metalliche o di tubolari. Generalmente i materiali di riferimento, per garantire resistenza e leggerezza, sono il carbonio e l’alluminio in varie dimensioni: nel primo caso si tratta essenzialmente di lamine con spessore di pochi millimetri (1, 2 o 3 mm), mentre nel secondo caso si arriva anche a 1 cm di spessore. Una volta disegnato e simulato il funzionamento, il pezzo viene tagliato sulla lastra metallica in base alle geometrie precedentemente elaborate e ne viene verificato il corretto funzionamento per avere un riscontro prima del montaggio. Ogni singolo componente si deve necessariamente adattare ai requisiti generali del drone. Non bisogna dimenticare che qualsiasi modifica incide sulla stabilità e sicurezza, pertanto va calibrata in ogni minimo dettaglio e con precisione millimetrica. I vari componenti vengono poi assemblati, montati e testati in tutte le loro funzionalità. Non ci sono limiti alle possibilità di customizzare un APR purché il mezzo sia funzionale, stabile e sicuro. Sono queste le regole per offrire un servizio di qualità superiore e oltrepassare i limiti del mercato produttivo che rende disponibili solo componenti standard e il cui costo è dettato dalle economie di scala. L’ampio ventaglio di personalizzazione si estende anche ad altri accessori come il terminatore di volo o la valigetta per il kit di carica batterie. Nella prossima pubblicazione ci sarà un approfondimento dedicato alla sicurezza dei Piloti con l’uso dei SAPR ed un focus sulle assicurazioni degli stessi.

(multispettrale)

1 pezzi 2 gimbal-alfa6000-(percorso-macchina)3 doppio-sensore 4 particolare lavorazione-supporto-multispettrale